mercoledì 13 agosto 2014

Vedo la Donna Saggia

Vedo la donna saggia.
Indossa un mantello di compassione.
Indossa una veste di saggezza.
Intorno al suo collo, un velo si agita in mutevoli forme.
Dalle sue spalle un manto di potere che scorre.
Un nastro di storia intorno alla sua fronte.
Lei cuce una trapunta; trasforma le fibre in filo; lei lavora a maglia; lei cuce;lei tesse.
Lega i fili delle nostre vite. Tesse una rete di fili a spirale.
Vedo la donna saggia.
Lei è il suo telaio: telaio deformato dai giorni e dalle notti.
Filo bianco, filo nero, accolgono la sua spoletta volante, una navetta di fili di diversi colori dei popoli della terra.
Alcuni fili sono corti; alcuni un po' più lunghi; ogni filo è diverso, ognuno è perfetto.
Questi fili sono vivi con suoni e colori.
Questi fili sono mutabili; cambiano con un tocco.
Questi fili sono antenne di cristallo; cambiano con un solo pensiero.
E intreccia con ogni filo, un filo rosso di sangue: un filo di tale sensibilità che non può essere visto, però custodisce tanta vitalità che non può essere mai realmente nascosto.
Proprio come scorre il nostro sangue sopra e sotto i giorni e le notti della nostra vita e unisce ogni momento alla totalità del tempo,questo è il filo della donna saggia che unisce ogni nostra vita alla rete cosmica.
Vedo la donna saggia.
E lei mi vede.


- Susun Weed -

martedì 12 agosto 2014

Il dono della vita per le Madri del mondo..."Al mio bambino"

(Dipinto di Ciro Morrone)

"Da dove vengo, dove mi hai trovato?"
domanda il neonato alla mamma.

Lei piange e ride ad un tempo e, stringendo il bimbo al petto,
gli risponde:

"Tesoro mio, eri nascosto nel mio cuore, eri il suo desiderio.

Eri nelle bambole della mia infanzia quando, ogni mattina, modellavo nell'argilla l'immagine del mio Dio, eri tu che facevo e rifacevo.
Tu eri sull'altare con la divinità del nostro focolare; adorandola, adoravo te.
In tutte le mie speranze, in tutti i miei amori, nella mia vita, in quella di mia madre, sei tu che hai vissuto.
Lo spirito immortale che protegge il nostro focolare ti coccola sul suo seno dalla notte dei tempi.

Nella mia infanzia, quando il cuore apriva i suoi petali, tu lo avviluppavi, come un profumo inebriante.
La tua delicata freschezza vellutava le mie giovani membra come il riflesso della rugiada che precede l'aurora.
Tu, piccolo del cielo, che hai preso per sorella gemella la luce del primo mattino, tu sei stato portato dalle onde della vita universale che ti ha infine posato sul mio cuore.

Mentre contemplo il tuo viso, il mistero mi inghiotte; tu che appartieni a tutti mi sei stato donato!
Per paura che mi scappi, ti tengo stretto al cuore.
Quale magia il tesoro del mondo ha consegnato nelle mie fragili braccia?"


- Rabindranath Tagore -

lunedì 11 agosto 2014

Il racconto di Prima Donna e Madre Luna: Segui il flusso!

Altro delizioso racconto donatoci da Miranda.

"Prima Donna era seduta e intorno a lei c'era il deserto. Non c'erano più alberi, piante né le case dei primi animali. Era scomparsa la bellezza e il delicato equilibrio della vita, dell'interconnessione e la famiglia. Era sola. 

Madre Luna, sentendo il suo pianto, scese sulla terra, Bagnò Prima Donna nella sua bella luce. 

'Va bene', disse lei con calma. 

Prima Donna sollevò il viso rigato di lacrime verso Madre Luna. 

'Ho distrutto tutto con la mia volontà e il mio potere.' 

Madre Luna mise le braccia intorno a Prima Donna e l'abbracciò.

'Stavi cercando il controllare la forza per combattere. Questa non è la tua magia.'

Madre Luna riempì Prima Donna di pace e di amore, 

'La tua magia è il flusso. Arrenditi al flusso permettendogli di muoversi con te. Come gli oceani ti alzerò sulla mia onda cosmica e ti trasporterò senza sforzo a riva con grazia e bellezza.'

'Mi dispiace continuerò a combattere,' Disse Prima Donna, guardando verso il basso. 

'Va tutto bene. Il flusso è amore ', disse Madre Luna, e indicò un piccolo germoglio verde che era cresciuto attraversando il fango ai piedi di Prima Donna ". 

(...) Spesso siamo come l'uragano - forti nella nostra volontà e nel desiderio, cerchiamo di costringere le cose ad accadere e combattiamo quando queste non arrivano sul nostro cammino. Ma anche come la velocità di un uragano, la luna piena sorge sopra le nuvole della nostra vita, cercando di raggiungerci e mostrandoci un una diverso senso del femminile, un modo di vivere più delicato e dolce che scorre con facilità (...) 

Amore e abbracci 
Miranda x

La Tenda della Luna )O(

La Tenda della Luna è il luogo in cui le donne, delle tribù dei Nativi Americani, si ritrovavano durante il loro periodo mestruale per essere in comunione le une con le altre e con i mutamenti che si verificano all’interno dei loro corpi.

Molto tempo fa, durante questo speciale periodo del ciclo lunare, le donne venivano allontanate dai doveri familiari perché potessero ritirarsi nella Tenda della Luna e beneficiare della compagnia delle loro Sorelle.
Tradizionalmente, il Tempo della Luna è il sacro momento in cui una donna viene onorata come una Madre della forza Creatrice. In questo periodo la donna abbandona la vecchia energia trasportata dal corpo e si prepara a ricollegarsi con la nuova fertilità di Madre Terra che porta con sé nel corso della Luna o mese, seguente.

I Nativi Americani pensano che durante il Tempo della Luna, la donna si riconnetta con Nonna Luna e Madre Terra, poiché la Luna regola il flusso delle maree (l’acqua o il sangue, di Madre Terra) e il ciclo della donna segue lo stesso tipo di ritmo. Le donne della Tribù, onorano il Sacro Sentiero quando riconoscono la conoscenza di tipo intuitivo che è insita nella loro natura ricettiva. Confidando nei cicli del loro corpo e lasciando emergere con essi anche le proprie sensazioni, le donne sono state per molti secoli Veggenti e Oracoli importanti delle Tribù. 

Nella Tradizione Seneca, il corpo governato dalla Nazione è formato da otto Clan e ciascun Clan ha la sua Madre. Queste donne hanno l’ultima parola su qualsiasi argomento poiché si sa che ogni tipo di crescita ha origine da una donna. Proprio come le Madri dei clan, ciascuna donna può, imparando ad usare le doti dell’intuito e della saggezza, accedere alla verità che guiderà sul Sentiero Sacro.

Nella Tradizione Seneca, le Tende di Medicina e le Tende della Luna delle donne vengono a volte chiamate
“Tende Nere”. Il nero è il colore dell’Ovest nella Ruota di Medicina ed è in questa Direzione che si dice aver spazio la donna, poiché questo spazio è il luogo di tutti i nostri domani e la dimora dell’Orsa. Come l’Orsa si ritira nella grotta per digerire le informazioni e il cibo accumulati durante l’anno, così la donna si ritira nella tenda della Luna per onorare i doni che ha ricevuto da Madre terra durante la Luna passata. Il colore nero del cielo notturno è dominato dalla luce argentea di Nonna Luna ed è di natura femminile. Questo è un altro motivo per cui le tende della donna nativa americana sono chiamate Tende Nere.

La Tende Nere costituiscono il centro della Medicina della donna e l’unità della Sorellanza.

Secondo la Tradizione dei Nativi, ciascuno stadio della crescita femminile viene festeggiato e spiegato alle giovani ragazze che stanno diventando donne. L’insegnamento inizia prima dal menarca ed è segnato dai Riti di Passaggio. Ogni donna della tribù viene rispettata per il fatto di essere una Madre della Forza Creatrice, A ciascuna ragazza viene spiegato il Ciclico della Luna quando è pronta a diventare una forza capace di regolare il flusso della marea, come Nonna Luna. La ragazza impara a rispettare il proprio corpo e le sue necessità; in oltre viene istruita sul significato di essere donna e preparata a prendere il proprio ruolo tra le donne della Tribù. 

Durante il Tempo della luna, alle donne veniva permesso di riposare; non si occupavano della cucina e non partecipavano alla quotidianità, che prevedeva mansioni pesanti. La Tradizione viene dal fatto che le donne avevano bisogno di accudire loro stesse durante il periodo del mestruo. Era considerato un diritto sacrosanto dalla donna il fatto di potersi ritirare per essere accudita e nutrita da Madre Terra, poiché ella aveva già adempito alla propria responsabilità di nutrire gli altri durante tutto il resto del mese.

(Jamie Sams)

domenica 10 agosto 2014

Preghiera per le donne in difficoltà a causa di guerre e conflitti


In questo difficile momento di sofferenza e di guerra Miranda ci invita a recitare una preghiera per le donne, ma la preghiera non è solo per loro, perché quando si parla di donne inevitabilmente il loro benessere o la loro sofferenza si riflette sulla società, sui bambini e sugli uomini che gli sono accanto.Preghiamo per loro affinché possano essere forti nel momento del bisogno e in grado di continuare a proteggere, nutrire, curare e amare tutti coloro che necessitano e subiscono questa grande infamia dell'umanità, fratricida, massacrante, incomprensibile, inutile, incivile, ingiusta e insensata che è la guerra!

Chiediamo al Divino Femminile di rafforzare la sua presenza nel mondo
cosicché tutte le donne che sono traumatizzate, minacciate, ferite, abbandonate e rese disperate dalla guerra possano sentire il conforto della sua presenza amorevole.
Conforta coloro che hanno perso i familiari,
le cui menti sono state traumatizzate,
che non si sentono più al sicuro nel mondo,
che sono in disperato bisogno,
che sono state ferite e maltrattate,
che non vogliono più vivere.
Santa Madre avvolgi le tue ali amorevoli intorno a loro così che si sentano al sicuro,
porta loro l'aiuto di cui hanno bisogno in modo che possano confortare e aiutare le persone che dipendono da loro,
e aiutarli attraverso la loro sofferenza, il dolore, lo shock e l'afflizione.
Madre la cui luce è in crescita nel mondo, benedici noi in modo che possiamo condividere la tua benedizione nella Purezza e nella Grazia.

mercoledì 6 agosto 2014

Benedizione del Grembo Agosto 2014: Ballando con la nostra femminilità selvaggia nel viaggio dalla luce al buio.


(Testo tratto dal blog di Miranda Gray http://wombblessing.wordpress.com/ 
La traduzione è stata effettuata con l'ausilio di Google traduttore, cercando di renderla il più possibile comprensibile, quindi perdonate eventuali inesattezze.)

Nella tradizione celtica del nord il 1° agosto è la festa di Lughnasadh (o Lammas) quando si celebra il raccolto dei primi frutti e dei cereali. E 'un momento di abbondanza e di completezza, e alla fine anche se il frutto cade e muore contiene i semi di una nuova vita per l'anno futuro. E 'anche il momento in cui ci inchiniamo alle energie della Madre con gratitudine e ci giriamo per affrontare la venuta del buio dell'Incantatrice. Possiamo sentire la tristezza perché il tempo della luce sta finendo, mentre facciamo i primi passi nel percorso del labirinto a spirale che va lentamente verso l'inverno. La presenza della Madre è dietro di noi, e l'Incantatrice con tutte le sue sfide selvagge comincia a crescere verso di noi ad ogni passo.

Se sei una sorella della Benedizione del Grembo dell'emisfero settentrionale, celebra il ritorno dell'archetipo dell'Incantatrice di Madre Terra e accogli la sua magia selvaggia, la sua profonda spiritualità, il suo estro creativo e la sua potenza. Preparati per la trasformazione e il cambiamento e per una corsa sfrenata, come le energie della Terra e l'anno dell'Incantatrice della Benedizione del Grembo si combinano con le energie dell'Incantatrice della tua fase pre-mestruale e con le energie dell'Incantatrice della fase calante della Luna. 

Indossa qualcosa che simboleggia l'Incantatrice per te, per ricordare a te stessa ogni giorno che le sue energie sono in crescita nella tua vita. Esegui attività in sintonia con la sua presenza e le sue energie - essere creativa, essere impulsiva, essere selvaggia e senza restrizioni. Avere un progetto creativo o un progetto che coinvolge compensazione, pulizia e l'apportamento di cambiamenti, svolgere un'attività spirituale giornaliera, come danzare nel percorso del labirinto verso la Crona, che apparirà il 31 ottobre. 

Se questa fase dell'Incantatrice è selvaggia, ricorda che ci sarà pace e riposo nelle energie della Strega, non solo in inverno, ma anche attraverso tutto l'anno prossimo. Quindi ora è il momento di essere attiva quando l'Incantatrice ti chiama e ti dà la sua energia di orientamento. Stai sotto le stelle e calpesta il suolo con i piedi, come un tamburo. Balla al ritmo del tuo cuore e a quello della Terra e delle stelle. Siamo donne di magia, donne di potere e donne di libertà. Batti per le donne che sono desolate e abbandonate, in modo che possano conoscere il loro potere, la loro bellezza e la loro magia oscura. 

L'Incantatrice ci porta un profondo e potente messaggio - di amare e accettare noi stessi - e lo fa nel modo più forte ed evidente possibile. Lei disturberà la nostra vita affinché arrivi il suo messaggio! La chiave per la fase dell'Incantatrice è l'amore di sé - ascoltare i nostri bisogni più intimi e nutrire noi stessi con amore, accettando e soddisfacendo queste esigenze. Quindi, se le situazioni diventano stressanti e travolgenti; se le emozioni diventano forti e reattive; se il tuo potere è aggressivo e frustrante; ascolta le tue esigenze, e fai qualcosa per il loro soddisfacimento, per dimostrare che ami e accetti te stessa e la tua bella e meravigliosa femminilità. 

La meditazione supplementare per la Benedizione mondiale del Grembo di agosto celebra l'abbondanza che abbiamo come donne e ci aiuta a liberare le nostre vite. http://www.wombblessing.com/docs/august-abundance-italian.pdf

Per le sorelle della Benedizione del Grembo del sud del mondo, oggi inizia il cammino per uscire fuori dal buio del labirinto. Le energie dell'anno dell'Incantatrice della Benedizione del Grembo si fondono con le energie archetipiche della Terra, dinamiche, indipendenti e potenti. Fino al 31 ottobre le energie magiche, selvagge e intuitive dell'anno dell'Incantatrice saranno ammorbidite dall'energia strutturata e intellettuale della Fanciulla. Questo è un momento fantastico per portare alla luce le idee partorite dal vostro intuito e per iniziare a realizzarle. Come le energie inaugurali del ciclo mestruale si combinano con le energie della Terra e con quelle della Luna crescente, la Fanciulla vi aiuterà a fare accadere le cose nella vostra vita per soddisfare le esigenze della vostra Incantatrice e creare autostima. 

Per l'emisfero meridionale la meditazione supplementare celebra il rinnovamento e la rinascita della nostra femminilità di nuovo nel mondo. http://www.wombblessing.com/docs/february14-renewal-italian.pdf 

Amore e abbracci
Miranda xx




martedì 5 agosto 2014

L'Uomo Lunare e il Divino Maschile

"L'uomo Lunare è un uomo del Presente, sensibile, che offre forza e protezione per Creare la vita.
Esplora la sua anima ed è capace di purificarsi energeticamente dai programmi culturali che lo alienano.
L'uomo Lunare sta nascendo nel cuore e nel corpo di molti uomini, egli nasce in silenzio.
E' un iniziatore, e come gli antichi capi tribù accompagna i suoi fratelli, fianco a fianco, per riconquistare la vera essenza del maschile.
L'uomo di questo tempo osserva dentro di sé il desiderio di riconquistare l'orgoglio di Amante e Padre, protettore della Natura.
La Donna di Luce guarisce e dona l'iniziazione all'uomo Lunare.
Può fare questo perchè sente lo spirito del suo corpo vibrare, nutre la sua anima e ha superato il desiderio di possedere e controllare.
Il femminile diviene quindi un terreno areato dove il seme maschile non affoga ma guarisce, si annida e cresce.
Lei gli offre l'appoggio per recuperare la sua forza di autorigenerarsi.
Lei ha costruito, o sta costruendo, la sua indipendenza, ma il desiderio di unirsi in modo autentico e profondo con qualcuno è sempre presente dentro di lei.
La guerra dei sessi sta finendo.
Il Paradiso sulla Terra è costruito da coppie in equilibrio e in questo momento si stanno verificando incontri, questi incontri fanno parte delle prossime fasi di risveglio.
L'uomo Lunare è l'Amante e Compagno della donna Solare o Radiante.
Insieme costruiscono il Paradiso della Nuova Terra un Eden che fiorisce e non conosce esilio."

- Alana Messineo -

Questo brano esprime bene ciò che molte di noi stanno vedendo accadere negli ultimi tempi, è importante però spiegare meglio cosa intende Alana in alcuni punti per evitare fraintendimenti che potrebbero irritare la suscettibilità di alcuni uomini che ancora temono, o poco comprendono, la parte divina che vive dentro di loro. Partiamo dal presupposto che dentro ognuno di noi, indipendentemente dal genere sessuale, sono presenti entrambe le polarità attiva e ricettiva (che simbolicamente vengono rappresentate dal Sole e dalla Luna) e che per vivere in equilibrio dobbiamo imparare a riconoscerle, accettarle e nutrirle entrambe, seppur una delle due può predominare in una certa misura sull'altra. Non parliamo di maschile e femminile, perché non si tratta di questo, le donne sono femminili e gli uomini maschili, il credere che dentro di noi ci sia un lato maschile e uno femminile e fuorviante e limita tantissimo l'espressione completa dei due principi nella loro complessità. Semplicemente entrambi possono manifestare una natura ricettiva o attiva, in varia misura. Un uomo molto sensibile è un uomo che manifesta la sua parte ricettiva, mentre una donna forte e determinata manifesta la sua parte attiva. Detto questo, per Uomo Lunare si intende un Sole che riconosce la funzione della Luna e l'accoglie, le dona la propria luce, affinché possa brillare nel cielo notturno, è il completamento del Maschile Divino che riconosce in sé il Divino Femminile e lo onora diventandone il Campione, il Protettore, il Compagno, il Fratello, il Padre e l'Amante, non più in guerra, non più in competizione, non più in posizione di prevaricazione, dominio e potere, ma in un rapporto sinergico di stima e collaborazione. La Donna Solare invece è intesa come colei che accoglie la luce del Sole e la riflette nel mondo, irradiandola in modo più dolce e tenue, riconosce quindi la funzione del Divino Maschile dentro di sé integrandola. Entrambi quindi, fedeli alla propria natura di genere, si compenetrano e si completano.
L'Uomo e la Donna Divini sono dei Creatori di realtà, insieme esprimono l'Alchimia trasformativa dell'Amore. L'uomo dona con coraggio vita ed energia, la donna con dolcezza accoglie, nutre e porta a manifestazione, la donna guida e guarisce, l'uomo sostiene e protegge. Si potrebbe quasi dire che la donna è la porta e l'uomo la chiave, entrambi sono indispensabili per attraversare la soglia e giungere al cuore dell'universo.


venerdì 1 agosto 2014

Il racconto della Donna Tartaruga

UN MESSAGGIO DA MIRANDA PER LA BENEDIZIONE MONDIALE DEL GREMBO DI AGOSTO:

La meditazione aggiuntiva che propongo alle donne dell'Emisfero Nord, riguarda creare la nostra abbondanza ( http://www.wombblessing.com/docs/august-abundance-italian.pdf ) e, a proposito di questo, ho pensato di condividere con te un piccolo racconto:

Prima Donna sedeva fuori dalla sua capanna quando Donna Tartaruga venne a farle visita. Prima Donna era stata molto occupata per tutta la mattinata. Era quindi stanca, ma aveva ancora una lunga lista di cose da fare. Donna Tartaruga la guardò perplessa.

“Perché sei così stanca?” le chiese.

“Ho così tante cose da fare”, disse Prima Donna “e sono così indaffarata che non riesco a fare tutto.”

“Oh” disse Donna Tartaruga saggiamente, “tu non hai ancora compreso.”

Donna Tartaruga, lentamente, si sedette vicino a Prima Donna.

“Devi semplicemente lasciarti andare e galleggiare” spiegò. “Scorri con le correnti dell'oceano e una piccola spinta di pinna ti porterà lontano per migliaia e miglia.”

“Come posso galleggiare?” disse Prima Donna perplessa. “Io sono una creatura della Terra!”

“Il flusso è tutto intorno a noi” disse Donna Tartaruga, indicando le colline e gli alberi, “e il tuo cuore e il piacere sono le tue pinne. Senti dove il tuo piacere scorre, senti dove il tuo cuore si apre e la tua gioia ti porterà verso il tuo desiderio. Non sei mai troppo lontana dalla tua abbondanza.” Sorrise. “Devi semplicemente galleggiare.”

Così Prima Donna gettò via la lista piena di compiti e di aspettative, si sdraiò sulla schiena e il suo cuore si riempì di piacere."

(...) molto spesso devo ricordare a me stessa l'insegnamento della Donna Tartaruga: noi otteniamo quello che vogliamo quando lasciamo scorrere, quando seguiamo la gioia del nostro cuore e scorriamo nel flusso. Questa è la vera natura femminile in azione. (...)

Con amore
Miranda xx